Crea sito
                                                                                             La ferrovia Roma nord

-Home page

-Articoli

173-Tanquam non esset

-Video 

-Archivio fotografico

-Bibliografia

-Link

-Autore

-Indice alfabetico

-Contatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DSCN1593

 

TANQUAM NON ESSET 

 di Gianfranco Lelmi

con il nuovo orario in vigore dal 14 settembre 2015 la Regione Lazio ha distrutto completamente la Ferrovia

Roma Nord.

Alcuni giustificano lo “spezzettamento della ferrovia”, con ritardi di minore entità solo nella tratta

interessata e non su tutta la linea.

Ma non é così, venendo da Viterbo, giunto a Catalano, dopo una sosta di 26 minuti, il treno per Roma

non poteva partire per il ritardo del convoglio di Piazzale Flaminio o Montebello.

Il bus che da Montebello va a Viterbo, toccando i paesi percorsi dalla ferrovia, impiega due ore e 40 minuti

su un percorso estremamente critico e  pericoloso. Occorre aggiungere trenta minuti di sosta a Catalano.

Il treno impiegava due ore e trentasette minuti partendo da piazzale Flaminio.

Il viaggio da Montebello (attenzione non piazzale Flaminio) a Viterbo é ora con il bus di due ore e 41 minuti,

senza considerare la sosta di 30 minuti a Catalano.

Basterebbe installare sette, otto passaggi a livello per avere un treno che tocca una miriade di paesi ad

andatura e tempi di percorrenza ragionevoli.

Non si “manda alle ortiche” un patrimonio  esistente di questo valore. I treni storici stanno scomparendo.

La tratta Viterbo Civita Castellana non esiste più, poiché chi viene da Viterbo deve effettuare a piedi

oltre due chilometri, o aspettare sotto il sole o la pioggia a Catalano la coincidenza che passerà dopo

10/15 minuti.

Non riesco a capire questo silenzio da parte di tutti di fronte ad un comportamento che “tanquam non esset”

come non esistesse, smantella lentamente tratta dopo tratta. Prima toccherà a Viterbo – Catalano, poi a Catalano

 -  Montebello.

Sul bus, la macchinetta per validare i titoli di viaggio, non accetta i biglietti della ferrovia, nessun controllo

si é visto su treno o sul trasporto su gomma. Tutti viaggiano gratis, ogni giorno la Regione getta al vento

un patrimonio.

Eppure, con i costi impossibili del carburante, la ferrovia sta richiamando sempre più, maggiore utenza.

 19.09.2015

 

DSCN1600

Bagnaia