Crea sito
                                                                                             La ferrovia Roma nord

-Home page

-Articoli

25-Ferrovia Roma-Civita Castellana-Viterbo é ora di tagliare in fretta

-Video 

-Orari

-Archivio fotografico

-Bibliografia

-Link

-Autore

-Indice Alfabetico

-Contatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Bagnaia

Ferrovia Roma-Civita Castellana-Viterbo è ora di tagliare ed in fretta

Gianfranco Lelmi

 

In merito ai tagli da effettuare, non mi riferisco naturalmente alla riduzione delle corse dei treni od allo smantellamento dell’ex Ferrovia Roma nord per ripianare le perdite della “nuova” ATAC ma alle mega consulenze  e stipendi d’oro. La fusione di Metro (di cui era parte integrante l’ex ferrovia Roma Nord), Trambus con la “nuova” ATAC ha portato nel 2009 a perdite di esercizio certificate nel bilancio 2009 a 91,2 milioni.Secondo stime, a fine anno la cifra dovrebbe raggiungere i 172 milioni e mezzo.Inoltre l’indebitamento con le banche ha raggiunto i 345 milioni ed i contenziosi pendenti toccano i 31 milioni.Quando Trambus e Metro erano indipendenti avevano chiuso entrambe con un utile di 400 mila euro.ATAC invece aveva registrato una perdita di 36,9 milioni Per l’anno in corso la perdita ATAC rischia di quintuplicare. La redditività dell’azienda, MOL (margine operativo lordo) è sceso da 97,4 milioni a 60,5 milioni.Riassumendo, in parole estremamente semplici: la ex Ferrovia Roma Nord non è in perdita, non rappresenta un ramo da tagliare. Cosa allarmante, la Polverini ha disposto sul fondo regionale  destinato all’ATAC per il nuovo contratto di servizio, un taglio di 88 milioni.La stampa ed il  PD Massimiliano Valeriani accusano l’amministratore delegato Adalberto Bertucci di ATAC di aver fatto lievitare i costi del personale. In un anno da 576 milioni si passati a 625, per i dirigenti si è saliti da 93 a 111 milioni. Il costo degli impiegati da 1.948 milioni è passato a ben 2.177. Vi sono state 824 assunzioni contro 439 uscite dal servizio.Il Sindaco Gianni Alemanno ha chiesto di ripianare le perdite di bilancio ATAC, stoppando qualsiasi richiesta dell’amministratore delegato di aumento delle tariffe di viaggio. Quello che più stupisce in questo tempo di crisi ed accumulo di perdite della “nuova” ATAC, è che  l’amministratore delegato Adalberto Bertucci percepisce come consigliere delegato 140 mila euro. Inoltre, per un totale di tre anni avrà una consulenza di 219 mila euro l’anno.Quindi tagli e  tasse per i cittadini, prebende d’oro per chi amministra, a dispetto come riporta un consigliere del PD, delle delibere comunali 215/2007 e 463/2008  che vietano il cumulo tra indennità e compensi nelle stesse partecipate.Athos De Luca ha denunciato con un esposto il fatto, mentre l’Organizzazione sindacati autonomi e di base (Or.S.A.), rincara la dose in un suo comunicato: “Promozioni-assunzioni a iosa …. di amici-amanti-mogli-fratelli-sindacalisti…. con una percentuale di personale non addetto alla produzione pari circa al 12%”. In questa maniera vengono soddisfatti gli appetiti: politici-sindacali.Quando entrerà in vigore il decreto Ronchi, nel 2011, l’ATAC, oramai in caduta libera, verrà messa sul mercato ed i privati avranno davanti un affare. “Si ripeterà una nuova vicenda ALITALIA dove migliaia di lavoratori si troveranno con stipendi dimezzati, senza lavoro od in mobilità”.Interessante la proposta del  capogruppo della Destra alla Regione Lazio Francesco Storace che mira, attraverso una proposta di legge, a tagliare gli stipendi d’oro dei dirigenti regionali.Verranno promosse iniziative dirette a raccogliere firme dei cittadini in  tutto il Lazio, in considerazione del fatto che un capo ufficio di gabinetto alla regione Lazio (e sono parecchi), percepisce uno stipendio di circa 211 mila euro (lordo annuo per 13 mensilità), mentre la media per retribuzioni più basse si aggira intorno ai 100 mila euro.

 

Fonti:

-         Retribuzioni Regione Lazio 5/8/2010

-         New Tuscia: stop a stipendi d’oro in Regione 26/07/2010

-         Or.SA Trasporti: svelato il Bluff della Fusione in ATA Spa, nessun risparmio, costi triplicati e gestione fallimentare 30/06/210

-         La Repubblica: E l’ad Betucci si da il doppio incarico, consulenza da 219 mila euro

-         La Repubblica ATAC, profondo rosso: perdite a 172 milioni