Crea sito
                                                                                             La ferrovia Roma nord

-Home page

-Articoli

92-Copertura trincea ferroviaria a Civita Castellana

-Video 

-Orari

-Archivio fotografico

-Bibliografia

-Link

-Autore

-Indice alfabetico

-Contatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ferrovia Roma Nord

Copertura trincea ferroviaria a Civita Castellana

 

di Gianfranco Lelmi

 

Il 15 febbraio 2012 il sindaco di Civita Castellana ha sottoscritto la consegna dei lavori per il Contratto di Quartiere II.

I lavori si suddividono in due parti: la realizzazione di un edificio con residenze speciali e mini incubatori nel Comparto C1 (costo 1.324.468,12 euro) e la copertura della trincea ferroviaria con l’arredamento urbano.

Il costo totale dei lavori è di circa sei milioni di euro.

Ovviamente, quello che interessa al lettore è la realizzazione della copertura della trincea ove passa il treno della Ferrovia Roma Nord. I lavori verranno svolti durante la notte per non intralciare il traffico ferroviario, massima attenzione dovrà essere usata per la presenza di binari e fili elettrificati. Il costo dell’opera ammonta a 2.253.582,42 euro. In passato la realizzazione della trincea, vista la carenza di posti auto sulla via Falisca, fu sostenuta  da Rodolfo Profili che raccolse centinaia di firme e Sergio Maestri, all’epoca dirigente ME.TRO, che riuscì a convincere l’azienda sulla realizzazione dell’opera.

Per gli appassionati di questa ferrovia, l’ effettuazione di questi lavori, non viene vista favorevolmente. La copertura della trincea ove passa il treno “tombamento” preclude la vista di un’opera eccezionale. Difatti ben 240 metri della ferrovia di via Mazzini  verranno ricoperti e non sarà più visibile il passaggio dei convogli. Occorre ricordare che quest’opera fu realizzata, all’epoca  a tempo di record con pale e picconi scavando nel tufo.

Questo lavoro, come viene riportato, “è un’ intervento di ampio respiro sotto l’aspetto del paesaggio urbano”. Il passaggio del treno costituisce una “ferita”, con questo intervento si “eviterà  l’impatto sonoro e visivo, creando nuovo spazio urbano arricchito dall’arredo.”

Giardini, una piazzetta, dei parcheggi, copriranno la ferrovia. Nota positiva, come hanno detto in Comune, il progetto prevede il passaggio di due treni contemporaneamente, pertanto è prevista la possibilità di installare il doppio binario. L’appalto per la copertura della trincea ferroviaria é stato assegnato all’Ati I.co.p. Ediltecna. Speriamo che non si tratti della solita cattedrale nel deserto che una volta realizzata, sporcizia, degrado ed erbacce facciano da padrone.

 

In base alla delibera della Giunta Comunale nr. 225 del 30 giugno 2010, prevede che il Comune verserà all’ ATAC una somma di 40.000,00 euro a fondo perduto, quale rimborso per spese forfettarie per oneri di rallentamento dei convogli, per le attività di cantiere interferenti con l’esercizio ferroviario. L’impresa appaltatrice dovrà versare la somma di 250,00 euro per ogni turno di lavoro di ogni agente ATAC impegnato nell’attività di presenziamenti, scorte, sorveglianza, messa a terra della linea di contatto, ecc. Modifiche e spostamenti anche temporanei degli impianti esistenti, saranno a carico dell’ impresa che esegue i lavori previo accettazione ed approvazione dell’ATAC.

E’ prevista, prima dell’inizio dei lavori, una polizza fideiussoria a garanzia della perfetta esecuzione dell'opera per un importo di 200.000,00 euro. Una polizza fideiussoria di 500.000 euro concernente un periodo di garanzia pari a 24 mesi di tutte le opere e gli impianti oggetto di intervento.

I lavori interferenti con l’esercizio ferroviario dovranno essere eseguiti sotto la sorveglianza del personale tecnico ATAC.  

In nessun caso ad ATAC potranno essere imputati oneri connessi ad eventuali ritardi dei lavori o ad un anomalo andamento degli stessi a causa delle suddette carenze. Il Comune si impegna a provvedere entro 30 giorni a versare quanto dovuto dall’impresa, qualora la stessa non avesse provveduto, con relativi interessi, calcolati con il tasso di mora vigente.

Le fasi di lavoro, non prevedono sospensioni anche parziali dell’esercizio ferroviario.

In merito a lavori interferenti con l’esercizio ferroviario, il Comune, quindi l’impresa, dovrà presentare entro il mercoledì antecedente la settimana successiva, l’elenco dei mezzi operativi e del personale che verranno impiegati. L’ATAC si riserva di modificare o respingere il tutto, in base alle sue esigenze. A lavori terminati, l’ATAC, insieme al Ministero dei Trasporti e la Regione Lazio, verificheranno la conformità dei lavori ed il Comune quale unico responsabile dei lavori sarà chiamato a rispondere di eventuali manchevolezze o difetti. IL Comune provvederà a proprie spese agli allacci delle opere realizzate. Gli impianti e le opere ferroviarie realizzate non facenti parte del compendio ferroviario, dovranno essere ceduti a titolo gratuito al demanio della Regione Lazio. Il Ministero dei Trasporti, per ragioni speciali di sicurezza pubblica, potrà modificare la convenzione stipulata tra ATAC e Comune. Il Comune esime l’ATAC da qualsiasi responsabilità per detti lavori e da ogni responsabilità che provenisse da parte di terzi. Il periodo di garanzia per detti lavori è di 24 mesi a decorrere dalla data di approvazione del certificato di collaudo tecnico amministrativo delle opere e degli impianti oggetto di intervento. Il Comune si assume ogni responsabilità per l’imperfetta esecuzione delle opere e ne risponderà con la polizza fideiussoria del menzionato importo di 500.000 euro. Per eventuali vertenze il Foro competente è quello di Roma, la Convenzione tra ATAC e Comune di Civita Castellana è soggetta all’approvazione superiore della Regione Lazio, con le spese  e tasse di stipulazione a carico del Comune.     

 

 30.12.2012

 

 

Fonti:

Tuscia web                                          Contratto di quartiere II: consegnati i lavori             15.02.2012

Comune di Civita Castellana             Trincea ferroviaria di via Mazzini                              13.04.2012

New Tuscia                                        Trincea ferroviaria di via Mazzini                             12.04.2012

La tua voce                                        Trincea ferroviaria di Civita Castellana                     14.04.2012

Roma Oggi Notizie                            Copertura della Tirncea ferroviaria                           04.01.2011

Il Tempo                                            Civ.Cast., assegnato l’appalto per la copertura…     03.11.2011

Comune di Civita Castellana             Delib. Giunta Com. nr. 225  del 30.06.2010             30.06.2010