Crea sito
                                                                                             La ferrovia Roma nord

-Home page

-Articoli

95-Confusione indescrivibile o ignoranza del lettore?

-Video 

-Orari

-Archivio fotografico

-Bibliografia

-Link

-Autore

-Indice alfabetico

-Contatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Confusione indescrivibile o ignoranza del lettore?

di Gianfranco Lelmi

 

Ecco il titolo che appare su Repubblica di oggi  martedì 19 febbraio 2013: “Sul treno tra spifferi, calca e rabbia il comico lancia il comizio tra i pendolari”

Una bella foto della stazione di Piazzale Flaminio della Ferrovia Roma - Civita Castellana – Viterbo (ex Roma Nord) che per affezione chiamo e continuerò a chiamare Ferrovia Roma Nord appare sulla destra dell’articolo, fa ben comprendere al lettore che si vuole parlare di questa ferrovia.

Inoltre si fa riferimento a “Pendolaria” ove Legambiente colloca sempre questa ferrovia, al secondo posto dopo la Circumvesuviana. E si sa che il riferimento è esplicito e riguarda la Ferrovia Roma Nord (vedi La Repubblica del 19 febbraio 2013 ove si cita la ferrovia Roma Flaminio Viterbo).

 Seguitando a leggere l’articolo odierno si parla  che “chi la frequenta tutti i giorni ha potuto sperimentare scoppi di motori nel vagone di testa (1998)”. Ciò non è avvenuto sulla Ferrovia Roma Nord. Da quello che risulta, esiste un articolo pubblicato su Repubblica il 24 febbraio del 1998 di Rita Celi così intitolato: “Roma, una forte esplosione blocca il treno in galleria”. Senza ombra di dubbio si fa riferimento alla Ferrovia Roma – Capranica – Viterbo poiché si parla del treno appena partito dalla stazione Trastevere alle ore 8,10. "Un boato sotto la galleria che da Trastevere porta a San Pietro, causato da un grande scoppio, ha bloccato il treno, con conseguente  ferimento di quattro donne".  

Successivamente, sempre nell’articolo odierno apparso su Repubblica, si parla di errore di binari e schianto su escavatrice (2003) Si è vero, l’incidente avvenne il 17 dicembre del 2003 a Pian Paradiso sulla Ferrovia Roma Nord.

In merito caduta di fulmini sui cavi elettrici, risulta effettivamente che il 6 agosto 2006 un fulmine colpì  intorno alle 15, nei pressi di Sant’Oreste la linea aerea della Ferrovia Roma Nord.

Per quanto concerne il furto di rame nel 2011, occorre menzionare che furti di rame avvennero effettivamente sulla Roma Capranica Viterbo (FR3) l’11 settembre 2011 tra le stazioni di Cesano e la Storta (vedi La Repubblica del 12 settembre 2011). Stessa cosa, stesso posto il 29  giugno del 2011 (vedi La Repubbilca del 30 giugno 2011) ed il 3 agosto 2011 (vedi sito delle Ferrovie dello Stato italiano del 4 agosto 2011). Effettivamente la Ferrovia Roma Nord subì furto di rame l’11 agosto 2011 tra le stazione Campi Sportivi e Monte Antenne (Il Messaggero 12 agosto 2011).

Viene successivamente riportato su La Repubblica di oggi: “Arresto del treno in piena campagna a Cesano per via del maltempo (2012), testimonianza: “Camminavamo nella neve rasente i binari come deportati….).  Se il treno riguarda Cesano concerne la ferrovia Roma Capranica Viterbo, cosa centra la Ferrovia Roma Nord? Effettivamente il 3 dicembre 2012 un treno con700 passeggeri rimase bloccato nei pressi ella stazione ferroviaria di Cesano (vedi Roma Today del 04.02.2012).

In tutta questa storia, le due ferrovie vengono confuse, lasciando il lettore nello sconcerto.

Oggi alcuni utenti della ferrovia Roma Nord, leggendo La Repubblica sul treno si domandavano: “Ma Grillo il giorno 22 febbraio 2013 viaggerà sulla Ferrovia Roma Nord o sulla Roma Capranica Viterbo?”

 

 

 

19.02.2013

 

PS

Il tutto é stato immediatamente segnalato al quotidiano La Repubblica ai seguenti indirizzi di posta ellettornica:

"[email protected]"

"[email protected]"

"[email protected]"

"[email protected]"

"[email protected]"

Con amarezza abbiamo potuto constatare che il destinatario ci ha completamente ignorato.